Life Love Light

Chiara Luce tocca i cuori dei teenager italiani

Fonte: www.formiche.net

Il 12 aprile scorso è stata la volta di Lamezia Terme, dove si è tenuto l’ennesimo incontro-testimonianza dedicato alla beata Chiara Luce Badano (1971-1990), la “teen ager” innalzata sugli altari da Papa Benedetto XVI nel 2010, morta all’età di 19 anni per un tumore osseo, che sta toccando sempre più i cuori dei giovani e dei cattolici italiani.  Un gruppo di una settantina di vescovi e cardinali amici del Movimento dei Focolari, il 6 agosto 2012 si è in effetti riunito a Torino per un incontro di alcuni giorni, che si è concluso con una visita-pellegrinaggio a Sassello (SV) il paese natale della Beata.

All’incontro promosso lo scorso mese dalla Diocesi di Lamezia Terme hanno parlato i genitori di Chiara, Maria Teresa Caviglia e Ruggero Badano, oltre a due suoi amici di quando era ragazzina, e che oggi sono quarantenni, Chicca e Franz Coriasco. Dalla testimonianza di fede umile e gioiosa di Maria Teresa e Ruggero Badano è emerso prima di tutto che, il primo terreno su cui è maturata la santità di Chiara, è stata proprio la sua vita di famiglia. Benedetto XVI il giorno della sua beatificazione ha indicato Chiara ai giovani come “un esempio di coerenza cristiana” e “un raggio di luce”, invitando ad approfondire la sua spiritualità di comunione vissuta nell’esempio di Chiara Lubich, fondatrice dei Focolari.

Chiara Luce è stata una dei patroni del 50° Congresso Eucaristico internazionale, svoltosi nel giugno dello scorso anno a Dublino e, nella prossima Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) che si terrà a di Rio de Janeiro del 2013, è stata prescelta da Benedetto XVI come intercessore.
La città natale di Chiara, Sassello, è da anni meta di pellegrinaggi di folti gruppi, soprattutto di giovani, provenienti dall’Italia intera, ma anche dall’estero, desiderosi di conoscere più in profondità la vita di questa loro coetanea, che è stata un’attiva “focolarina” fin dall’età di 9 anni. Incontrò infatti il movimento dei Focolari ad un raduno del 1980, legandosi subito ai gruppi delle giovanissime di Albisola e di Genova e divenendo presto una “Gen III”, terza generazione del movimento, occupandosi di bambini e anziani. Nel 1981 iniziò una corrispondenza con la citata fondatrice del movimento dei Focolari, che la soprannominò “Chiara Luce”.

Leggi di più


Back

Wall

lascia un messaggio >
gli occhi trasudano la commozione del mio ...

Ciao Chiara ti prego aiuta tutta questa ge...

MARIO

Chiara, aiutami ad avere la forza nel sopp...

Ge

Chiara, ti affido Claudio. Oggi e sempre. ...

leggi i messaggi precedenti >